resoconto 2016 - sotaitalia

Vai ai contenuti

Menu principale:

resoconto 2016

attività > 2016
rendiconto sotaitalia anno 2016
Mese di marzo, mese di rendicontazione dell'anno precedente ed anche noi di sotaitalia tiriamo le somme di quanto è stato fatto nel 2016.

Dal nostro sito web www.sotaitalia.it  che possiamo dire è il nostro libro giornale ricaviamo  il nostro bilancio.

Alla voce “attività” anno 2016 abbiamo, diciamo cosi, le nostre entrate “attivatori” - “attivazioni” e “contest” ed i dati che appaiono sono veramente interessanti:
attivatori - 46
attivazioni – 316
partecipanti “5° qrp sotaitalia day” - 43  di cui 17 attivatori e 26 cacciatori.
Questi aridi numeri già dicono qualcosa di significativo ma esaminiamoli con attenzione:

Attivatori Gli attivatori risultano essere   46 contro (contro i 61 dell'anno 2015 ed i 50 dell'anno 2014). La riduzione del numero degli attivatori è dovuta al fatto che il giorno del nostro contest a causa dell’inclemenza del tempo gli attivatori sono stati solo 17 contro 36 dall’anno scorso, 19 in meno che sommandoli ai 46 dell’anno avremmo avuto 65 attivatori lo stesso livello del 2015 anzi 4 in più
Gli attivatori che sono saliti sulle cime e da qui hanno fatto attivazione radio parecchie volte (iw2obx – 47 attivazioni; i1wkn – 37 attivazioni; iw2nhe – 36 attivazioni; iu1aug 32; iz3gos 21 attivazioni e ix1ihr 20 attivazioni ) via via a discendere fino ad attivatori che hanno fatto una sola attivazione nell'anno. L'età degli attivatori varia dai 20 anni fino agli 84 anni. Leggendo le relazioni inviate dagli attivatori, rileviamo che ogni attivatore dalla sua attivazione ha avuto benefici fisici e morali, avendo attivato cime consone alla sua preparazione atletica non ha avuto la delusione di non  raggiungere la meta, tutti hanno avuto una esperienza positiva e si sono ripromessi di ripetere al più presto questo bellissimo modo di praticare radio. Le prestazioni radiantistiche sono legate alle condizioni di propagazione ma non sono mancati i dx con qrb di 10.000 km e più, fatti con 2-3 watt.  Anche dal lato radiantistico non sono mancate le soddisfazioni.

Attivazioni Nel corso dell'anno 2016 sono state fatte 312 attivazioni (contro le 318 del 2015 e le 212 del 2014) di cui in hf 168 nell'anno 2016 (contro le 193 dell'anno 2015 e le 132 dell'anno 2014) e in vhf  149 nell'anno 2016 (contro le 125 dell'anno 2015 e le 80 dell'anno 2014).
Questa lieve riduzione di attivazioni è dovuta come sopra detto all’inclemenza del wx nel giorno del nostro qrp sotaitalia day.
Si può dire che l'OM sotaro italiano “predilige” - direi è costretto - a lavorare in hf che non in vhf, questo perché la banda dei 144 mhz in Italia è praticamente deserta, c'è traffico solo nelle domeniche di contest. Quando c’è un contest arrivano le bombarde a volte anche con 500 watt che coprono tutto ed i nostri dardi da 5 watt non scalfiscono l’etere. E' abbastanza avvilente arrivare, dopo una sana camminata anche di qualche ora, in cima al monte scelto per l'attivazione e dopo aver istallato tutta la stazione radio fare ore di chiamata in 144 e non aver risposta. Si qualcuno potrà anche dire che in hf si fanno qso con un buon valore di qrb e quindi più performante per il sotaro. Non è proprio cosi. Al sotaro interessa fino ad un certo punto il qrb fatto (poi 2.000 km di qrb in hf sono pari a 200 km di qrb in vhf approssimativamente) ma ha più piacere di avere un piccolo qso informativo sulla propria attivazione che non lo squallido 59 di prassi che viene scambiato nei qso internazionali in hf.  Ci sono poi quelli che per loro natura preferiscono lavorare in hf e quelli che preferiscono lavorare in vhf e questo è il bello dell'attività sota non fare distinzioni fra i vari modi di operare in radio e su quali frequenze fare radio, sotaitalia ha lo scopo di riunire tutti gli OM montanari, non da punteggi ne in relazione al qrb fatto ne  in relazione alla difficoltà nel raggiungere la cima ne al numero dei qso fatti, affinché la propria attivazione venga omologata, è sufficiente che l'operatore raggiunga la cima referenziata da sotaitalia, faccia il numero minimo di qso (6), compili il log e lo spedisca con 3-4 foto ed una piccola relazione a info@sotaitalia.it  e l'attivazione  viene omologata e pubblicata sul sito www.sotaitalia.it
Se vogliamo analizzare le attivazioni dal punto di vista “sportivo” (impegno alpinistico nel raggiungere la vetta) e quello “umano sociale” (aggregazione di sotari) possiamo dire con tutta tranquillità che sono stati raggiunti entrambi gli obbiettivi e con la massima soddisfazione.
Leggete le relazioni delle attivazioni e scoprirete che i sotari non fanno solo ascensioni di grande livello alpino ma anche scampagnate sui monti con tutta la famiglia e/o amici e queste sono la maggioranza (andrea ix1oen col figlio di sei anni alla testa d’arpy) leggetevi queste attivazioni :
http://www.sotaitalia.it/hb-gr-370-torre-sella-iw2nhe-1.html
http://www.sotaitalia.it/hb-gr-344-marmontana-iw2nhe-1.html
e conoscerete chi sono i sotari (quello di alberto iw2nhe è solo un esempio tutti i sotari sono cosi) .

qrp sotaitalia day purtroppo quest'anno è stato un disastro non tanto per la mancanza di volontà di partecipazione dei sotari attivatori italiani, (una cinquantina avevano dichiarato la loro presenza) ma per il fatto che dal tardo pomeriggio di sabato fino al pomeriggio di domenica le condizioni atmosferiche ci sono state ostili. Pioggia anche intensa sul tutto il territorio nazionale, lampi e tuoni nel nord-est, friuli venezia giulia; carlo iv3rjh dopo solo mezzora di attività ha dovuto rinunciare per non trovarsi arrostito da qualche fulmine. Nel nord-ovest, valle d’aosta,  sopra i 2.000 mt abbiamo avuto anche la neve claudio ix1ihr  ne è testimone. Tanti sotari alla mattina di quel 18 settembre 2016 pur avendo lo zaino pronto e con tanta voglia in corpo di farsi una bella camminata e qualche ora di radio, alla domanda vado o non vado, viste le condizioni atmosferiche sono stati costretti, malincuore dire “non vado” Nonostante le condizioni meteorologiche così avverse un esiguo numero di sotari attivi (17) si sono recati sulle cime ed hanno reso possibile il nostro qrp sotaitalia day. I cacciatori che hanno inviato il loro log sono stati  26. Noi abbiamo messo il nostro maggior impegno per la riuscita del nostro raduno annuale; chi ci ha abbandonato quest’anno è stato un partecipante speciale, il bel tempo, peccato speriamo che nel 2017 sia con noi ai nostri due raduni qrp sotaitalia day.
Lo chiamo raduno in quanto il suo scopo non è quello di mettere in competizione i sotari e vedere chi è più bravo; “ in che?” ma quello di riunirli, un giorno all'anno, in un incontro cordiale ed amichevole e di potersi contare. Il risultato di partecipazione di quest'anno ci dice che la formula scelta è quella gradita dai OM sotari italiani. Come avrete notato parlo di sotari e non di attivatori in quanto anche i cacciatori sono sotari e la loro esistenza è essenziale per gli attivatori come è essenziale l'esistenza del secondo per il primo (se non c'è un secondo non ci sarà mai un primo-se non c'è un cacciatore non ci sarà mai un attivatore).

Rivolgo un invito ai cacciatori: alla domenica quando attendete che venga portato in tavola il pranzo provate a fare un giretto in frequenza, se vi arriva il pigolante cq di qualche attivatore, rispondetegli sarete contenti voi e farete felice il vostro corrispondente. Gli attivatori ci sono anche su settimana e li trovate in hf visto che in Italia le vhf sono “tabu” per gli OM italiani
Ricordo che anche per i cacciatori esiste un diploma annuale gratuito (vedere foto)

progetti 2017 si carissimi sotari avete letto bene nel 2017 avremo due occasioni di incontrarci nel nostro raduno; uno in primavera domenica 30 aprile 2017 e sarebbe il 6° qrp sotaitalia day e l’altro il 7° qrp sotaitalia day  il 17 settembre 2017.
Si è giunti a questa soluzione proprio a causa del wx ostile nel nostro raduno di settembre 2016.
Molti sotari non potendo partecipare al contest per i motivi citati avevano richiesto di rifarlo in ottobre, purtroppo il calendario contest vhf & up italiano occupa quasi tutte le domeniche e non sarebbe stato bello e corretto interferire con altri contest già programmati.
Spulciando l’intero calendario si è scoperto che l’ultima domenica di aprile è libera, col management   contest italiano si è pensato di fruttare, in via provvisoria, tale opportunità.
Concordo con voi che le cime più alte possono ancora essere coperte di neve ma la voglia di fare radio sui monti dopo la pausa invernale è tanta che i sotari non si fermano e se non posso raggiungere il 2000 e oltre si accontentano di cime più base l’importante è di incontrarsi nell’etere.
Oltre a questa novità con l’inizio del 2017, proprio per meglio pubblicizzare le attivazioni sotaitalia si è istituita una chat – whatsapp ovviamente chiamata “sotaitalia” per permettere agli attivatori di informare i cacciatori in tempo reale della loro attività, funziona e gli iscritti sono quasi una sessantina, se volete farne parte segnalatelo a  info@sotaitalia.it

Vi presento i nostri diplomi come vedete ci sono per tutti, aspetto le vostre attivazioni

Buon sota a tutti
73 iw1are – carlo – manager nazionale sota

Torna ai contenuti | Torna al menu